I DELITTI DELLE CONVENZIONI: LE ORIGINI

Questo libro nasce fondamentalmente da un’idea primordiale: sentire, condividere, fare mio il dolore di chi subisce violenze morali piccole o grandi.

La felicità viene interrotta prima o poi e a più riprese, la vita è ingiusta con tutti prima o poi e a più riprese, così come è generosa.

E’ anche vero però che, come sosteneva Einstein, la crisi è forse il momento più prolifico per l’animo umano e se sappiamo elaborarla finiremo col dare il meglio di noi stessi e rinasceremo a nuova vita.

Non trovo parole migliori da dedicare a chi ha vissuto momenti analoghi  a quelli da me descritti di quelle dell’Ode on Intimation of Immortality di William Wordsworth (1770-1850).

2 (8)

“C’era un tempo in cui il prato, il bosco, il ruscello,
La terra, e ogni vista comune
A me sembravano
Ornati da una luce celestiale

la notte

Ora non è più com’era prima;
Mi giro ovunque posso,
Di giorno o di notte:
Le cose che ho visto ora non posso più vederle.

heidi

Il Paradiso si trova su di noi nella nostra infanzia!
Poi le ombre iniziano a chiudersi
Sopra il bambino che cresce,
Ma egli guarda la luce, e da dove fluisce,
In essa vede la gioia;

mamma e figlia 3

Logorato dai baci di sua madre,
Sopra di lui gli occhi di suo padre!
Ai suoi piedi, alcuni piccoli progetti ,
Alcuni frammenti del suo sogno di vita umana.

notte

La giovinezza giorno dopo giorno deve viaggiare Allontanandosi da oriente;
E’ tuttavia ancora Sacerdote della Natura,
Che con la sua visione splendida
Interviene sulla sua strada.

la piscina

Poi lentamente l’uomo comincia a percepire il morire che Fino allora gli era parso lontano,
Presagio che presto si dissolve nella luce del giorno Comune.

tramonto

La nostra nascita non è che un sonno e un oblio:
L’anima che si leva con noi, la stella della nostra vita,
Ha avuto altrove la sua impostazione,
E viene da lontano:
Non completamente dimentichi
E non completamente spogli
Ma trascinando con noi nuvole di gloria
Noi veniamo da Dio che è la nostra casa

sole

Se niente può far che si rinnovi
All’erba il suo splendore e che riviva il fiore
Della sorte funesta non ci dorremo,
Ma ancor più saldi in petto
Godrem di quel che resta,
Troviamo forza in ciò che rimane,
Nei pensieri rassicuranti che fioriscono
Dalle sofferenze umane;
Nella fede che guarda oltre la morte,
Negli anni che portano saggezza alla mente.

DSCN9143

E voi fontane, prati, colline, e boschi, non
Presagite alcuna rottura dei nostri amori!

il bosco

Ancora nel profondo del mio cuore sento dei cuori la potenza;
Ho solo rinunciato a un diletto
Per vivere sotto il tuo costante oscillare.

ruscello

Amo i ruscelli che i loro canali corrodono
Ancor più rispetto a quando viaggiano leggeri.

ruscello-e-magnolie-in-fiore

L’innocente luminosità di un nuovo giorno
E’ ancora bella

tramonto 2

Le nuvole che si radunano intorno al sole al tramonto
Non assumono la colorazione spenta di un occhio
Che ha messo lo sguardo sulla morte

DSCN9127

Grazie al cuore umano con il quale viviamo,
In me il più umile fiore che sboccia può far riaffiorare
Pensieri dolci che giacciono in profondità a causa delle Troppe lacrime.”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...